Scarica GRATIS Menù di Natale

Seguici sui Social

Il Cibo dell’Uomo

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Il Cibo dell'uomo
Il Cibo dell'Uomo
Il libro scritto dal
Dottor Franco Berrino

Acquista il libro

Il Cibo della Gratitudine

Il Cibo della gratitdine
Guida alla cucina MacroMediterranea
Il libro scritto con il contributo del
Dottor Franco Berrino

Acquista il libro

Random Post
Search
Search

Benvenuti!

Qui troverete ricette per un'alimentazione sana e bilanciata, ispirandoci alla nostra cucina Mediterranea. Utilizziamo solo ingredienti naturali, non trasformati, da coltivazione biologica. I dolci sono senza zucchero e senza prodotti di origine animale. Potete fare riferimento al gruppo Facebook Ricette di Cucina Consapevole

La pasta madre

Il pane autentico è quello fatto con il lievito madre (o pasta madre). Oggi il pane è fatto, per la maggior parte, con il lievito di birra: in questo mondo fast, è un modo per velocizzare anche i tempi di lievitazione e poter rendere industriale anche la produzione del pane. La pasta madre richiede, infatti, dei tempi più lunghi di lievitazione ed è soggetta alle variazioni climatiche: ha comportamenti (e relativi tempi di lievitazione) diversi in base alle temperature.

C’è comunque una differenza abissale tra il pane a lievitazione naturale (quello fatto con la pasta madre) e quello realizzato con il lievito di birra (ancor più se sono state utilizzate farine raffinate): il sapore, il profumo, la durata (il pane con pasta madre si conserva anche 10 giorni). Inoltre, il pane con pasta madre è molto più digeribile e non causa intolleranze alimentari.

Quali sono i principi della lievitazione? Un impasto lievita (ossia aumenta di volume) e al suo interno si sviluppa anidride carbonica che, come tutti i gas, cercherà di andare verso l’alto; in questo suo percorso, incontra la resistenza del glutine che, sotto la spinta dell’anidride carbonica, si espande (il glutine è elastico), formando delle bolle di aria.

Nella lievitazione naturale (con pasta madre) l’anidride carbonica è prodotta dai fermenti lattici, ovvero batteri che trasformano il glucosio in anidride carbonica e acido lattico (fermentazione lattica). In quella con il lievito di birra (un fungo denominato Saccharomyces cerevisiae) invece l’anidride carbonica è prodotta sempre per fermentazione dei carboidrati, ma al posto dell’acido lattico si forma alcol etilico (fermentazione alcolica).

La pasta madre si ottiene dalla fermentazione di acqua e farina. Non è necessario aggiungere altro.

E non roviniamo  la nostra pasta madre con farina00 o Manitoba!!!

Anche la pasta madre ha il suo livello di “potenza”: dipende dalla sua anzianità. Se cercate, in giro potete trovare madri centenarie. Noi ne abbiamo una di 125 anni e nutrita con sole farine di grani antichi, che utilizziamo anche per fare degli ottimi panettoni… senza zucchero!!!

Si possono trovare paste madri solide o liquide (consistenza tipo marmellata).

Quali sono i vantaggi del pane preparato utilizzando la pasta madre?
  • E’ monto più buono!!!
  • Si conserva molto più a lungo (anche 10 giorni)
  • E’ molto più digeribile
  • La lievitazione naturale riduce il contenuto di acido fitico. È stata osservata una riduzione pari al 62% (a fronte di una riduzione del 38% mediante lievitazione con lievito di birra) (*);
  • L’acido lattico, prodotto della fermentazione con pasta acida, ne riduce l’indice glicemico (i prodotti da forno sono caratterizzati da un elevato indice glicemico) (**).
(*) Lopez H., Krspine V., Guy C., Messager A., Demigne C., e Remesy C. 2001. Prolonged fermentation of whole wheat sourdough reduces phytate level and increases soluble magnesium. Journal of Agriculture and Food Chemistry, vol. 49, pp. 2657-2662.
(**) Östman, E., Nilsson, M., Liljeberg-Elmståhl, H., Molin, G., e Björck, I. (2002). On the effect of lactic acid on blood glucose and insulin responses to cereal products: mechanistic studies in healthy subjects and in vitro. Journal of Cereal Science, 36, 339-346.
AUTOPRODURSI LA PASTA MADRE
Chi volesse avere la soddisfazione di farsi da sé la pasta madre, può seguire la procedura che segue.
Passo1
In una ciotola in ceramica, unire acqua e farina fino ad ottenere un impasto tipo marmellata. Coprire con un panno umido e lasciar riposare in un luogo riparato per un paio di giorni.
Passo2
Rimuovere la patina che si è formata.
Procedete con il RINFRESCO, ovvero aggiungete acqua e farina, fino ad ottenere la stessa consistenza.
Coprire con un panno umido e lasciar riposare in un luogo riparato per 2 giorni.
Passi successivi
Continuate con il rinfresco per circa 10 giorni, finché il vostro impasto non sarà in grado di raddoppiare il suo volume in circa 4 ore.
A questo punto, la pasta madre è pronta per essere utilizzata per produrre il pane.
Come conservare e nutrire la pasta madre
Potete conservarla in frigo, in un vasetto di vetro con il suo coperchio.
Ogni 2-3 giorni la rinfrescherete (come abbiamo visto su, aggiungendo acqua e farina).
Dopo il rinfresco, la coprite con un panno umido e la lasciate riposare circa un’oretta. Quindi la chiudete nel vasetto e la mettete on frigo. Quando la tirerete fuori dal frigo per rinfrescarla, aspetterete che sia arrivata a temperatura ambiente.
Cosa possiamo fare con la pasta madre?
Con la pasta madre si possono realizzare pane, focacce, pizze (buone e leggere!!!), dolci di pasticceria (torte, croissant, panettone, brioche,…).