Scarica GRATIS Menù di Natale

Seguici sui Social

Il Cibo dell’Uomo

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Il Cibo dell'uomo
Il Cibo dell'Uomo
Il libro scritto dal
Dottor Franco Berrino

Acquista il libro

Il Cibo della Gratitudine

Il Cibo della gratitdine
Guida alla cucina MacroMediterranea
Il libro scritto con il contributo del
Dottor Franco Berrino

Acquista il libro

Random Post
Search
  • Home
  • Biscotti
  • Prepariamo i calzoncelli: panzerottini dolci ripieni della tradizione lucana
Search

Prepariamo i calzoncelli: panzerottini dolci ripieni della tradizione lucana

Print Friendly, PDF & Email

Ingredienti

Per l’impasto:
  • 700 gr di farina di grano tenero (ho usato il monococco)
  • 300 gr di semola di grano duro (ho usato senatore cappelli)
  • 120 ml di olio evo
  • 300 ml di vino bianco tiepido
  • Cannella a piacere
  • Un pizzico di sale marino integrale
  • olio evo per friggere
  • Vincotto di uva
Per il ripieno:
  • 1 kg di castagne lesse (pesatele dopo la cottura)
  • Vincotto q.b.
  • Cannella
  • Buccia di arancia grattugiata
  • Mandorle tostate tritate
  • Noci tritate

Procedimento

L’impasto è esattamente quello delle cartellate. Riscaldiamo leggermente l’olio evo. In una ciotola versiamo le farine, la cannella ed il pizzico di sale. Aggiungiamo l’olio tiepido ed impastiamo. Quindi uniamo gradatamente il vino tiepido. Lavoriamo l’impasto fino ad ottenere un panetto omogeneo. Al termine, lo andremo a coprire con un panno (lavato con sola acqua) per non farlo indurire, accertandoci che l’ambiente in cui operiamo non sia troppo freddo.

Prendiamo una piccola parte di impasto e lavoriamola con la macchina per la pasta fino ad ottenere una sfoglia sottile. Facciamo dei dischi di circa 8cm di diametro. Al centro posizioniamo il ripieno (ottenuto unendo gli ingredienti sopra riportati) e chiudiamo formando un panzerottino. Sigilliamo bene i bordi utilizzando i denti di una forchetta.

Lasciamo a riposo i panzerottini per almeno 24 ore. Friggiamo in abbondante olio caldo in tempura fino a farle dorare. Adagiamole su carta assorbente, lasciandole scolare. Lasciamoli riposare altre 24 ore.

In un tegame facciamo sbollentare il vincotto (ho usato quello di uva) ed immergiamo i panzerottini lasciandoli impregnare da ambo i lati.
Buon appetito a tutti!!!

 


Ricetta scritta da Sabrina Petruzzelli


Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Cucina Macro-Mediterranea.

In questo blog:
- Tutti gli ingredienti sono da coltivazione biologica, non industrialmente raffinati.
- Gli oli sono ottenuti mediante spremitura a freddo.
- Il sale è marino integrale.
- Le bevande vegetali e le confetture di frutta sono senza zuccheri aggiunti.
- Il pane è a lievitazione naturale.
- Le farine o le semole sono da grani antichi.
- Se si usa vino, è senza solfiti aggiunti.