Seguici sui Social

Il Cibo dell’Uomo

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Il Cibo dell'uomo
Il Cibo dell'Uomo
Il libro scritto dal
Dottor Franco Berrino

Acquista il libro

Il Cibo della Gratitudine

Il Cibo della gratitdine
Guida alla cucina MacroMediterranea
Il libro scritto con il contributo del
Dottor Franco Berrino

Acquista il libro

Iscriviti al gruppo e Scarica GRATIS Menù di Natale

Random Post
Search
  • Home
  • Legumi
  • Crespelle al rosmarino con crema di fave e verdure
Search

Crespelle al rosmarino con crema di fave e verdure

Print Friendly, PDF & Email

Ma quante materie prime ci regala la natura?! Verdure, legumi, cereali, frutta a guscio… e quante prelibatezze possiamo cucinare con questi alimenti?!

Ingredienti per 2 persone

  • 50 g di farina tipo 2
  • 20 g di farina integrale
  • 175 g di bevanda di soia (o acqua, in alternativa)
  • 6 g di olio extravergine d’oliva
  • 2 g di sale marino integrale
  • 2 g di rosmarino
  • pistacchi tritati (o altra frutta a guscio gradita)

Ingredienti per il ripieno

  • 40 g di fave secche
  • Carota, sedano e cipolla q.b. (per il soffritto in cui rosoleremo le fave)
  • Verdure a piacere q.b. (Io ho messo ciò che avevo: 1 carota, 5 fagiolini, una manciata di asparagi, 1 carciofino, cavolo bianco)
  • Tamari o Shoyu q.b.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.

Procedimento

Iniziamo mettendo in ammollo le fave per 12 ore.
Trascorse le 12 ore, facciamo un trito di carote, sedano e cipolla, soffriggiamo con poco olio, uniamo le fave (scolate e sciacquate) e facciamo insaporire per qualche minuto; quindi, aggiungiamo l’acqua e cuociamole per circa un’ora/un’ora e mezza (saranno pronte quando cominceranno a sfaldarsi).

Mentre cuociono le fave, prepariamo la pastella per le crespelle.
In una ciotola versiamo la bevanda di soia (o l’acqua) e cominciamo ad unire la farina, poco per volta (aiutiamoci con un setaccio, per evitare che si formino dei grumi), mescolando con una frusta.

Una volta versata tutta la bevanda vegetale uniamo l’olio, continuiamo a mescolare energicamente, quindi aggiungiamo il sale e il rosmarino.

Chiudiamo la ciotola e lasciamo riposare la pastella in frigo per almeno mezz’ora.

P.S.: cerchiamo di utilizzare un contenitore con il coperchio, in modo da evitare lo spreco di plastica con l’utilizzo della pellicola per alimenti.

Mentre la pastella riposa in frigo, procediamo con la preparazione del ripieno: mondiamo le verdure che abbiamo scelto, quindi scaldiamo un po’ di olio evo in una padella con uno spicchio d’aglio e uniamo le verdure, facendole rosolare per qualche minuto. Aggiungiamo un po’ di acqua, copriamo con un coperchio e facciamo cuocere per appena 10 minuti.

P.S.: se scegliamo verdure con tempi di cottura diversi, mettiamo in padella prima le verdure che ci mettono più tempo per cuocere e poi a seguire tutte le altre.

A fine cottura aggiungiamo un po’ di salsa di soia, senza aggiungere sale, perché la salsa darà la giusta sapidità alle verdure.

A questo punto possiamo preparare le crespelle.
Scaldiamo una crepiera (se scegliamo di utilizzare una padella antiaderente, procuriamocene una di qualità!), passando un pezzo di carta da cucina con un po’ di olio evo. Versiamo un mestolo di pastella e cuociamo le nostre crespelle. Saranno pronte in pochissimi minuti.

Quando le fave saranno cotte, spegniamo la fiamma, aggiungiamo un pizzico di sale e frulliamole con un frullatore ad immersione, fino a creare un composto cremoso.

Farciamo le nostre crespelle con le verdure, versiamo sopra la crema di fave, spolverizziamo con granella di pistacchi e gustiamo questo buonissimo piatto! 😋


Ricetta scritta da Lara Pagliara


Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Cucina-Consapevole.it.

In questo blog:
- Tutti gli ingredienti sono da coltivazione biologica, non industrialmente raffinati.
- Gli oli sono ottenuti mediante spremitura a freddo.
- Il sale è marino integrale.
- Le bevande vegetali e le confetture di frutta sono senza zuccheri aggiunti.
- Il pane è a lievitazione naturale.
- Le farine o le semole sono da grani antichi.
- Se si usa vino, è senza solfiti aggiunti.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com