Scarica GRATIS Menù di Natale

Seguici sui Social

Il Cibo dell’Uomo

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Il Cibo dell'uomo
Il Cibo dell'Uomo
Il libro scritto dal
Dottor Franco Berrino

Acquista il libro

Il Cibo della Gratitudine

Il Cibo della gratitdine
Guida alla cucina MacroMediterranea
Il libro scritto con il contributo del
Dottor Franco Berrino

Acquista il libro

Random Post
Search
  • Home
  • Dolci
  • Focaccia all’uva … Naturalmente Dolce
Search

Focaccia all’uva … Naturalmente Dolce

Print Friendly, PDF & Email

In Liguria la focaccia è un “must” e non si butta via mai! Infatti, dopo un paio di giorni, quando comincia ad essere dura non ci facciamo scoraggiare e la “pucciamo nel caffelatte” del mattino!

Anche se ormai non abito in Liguria da tanto tempo, quando capita lo faccio ancora, anche se con caffè d’orzo e bevanda di avena!

Questo per dirvi che la focaccia è buona in tutti modi, salata, dolce, soffice e anche dura, soprattutto se abbiamo scelto farine macinate a pietra, biologiche e l’abbiamo preparata con lievito madre a lunga lievitazione!

In questa stagione uno dei frutti più buoni è senza dubbio l’uva, succosa, dolce e colorata!

Questa è una ricetta tradizionale, che combina alimenti di stagione, producendo una focaccia naturalmente dolce soffice e profumata!

Ingredienti

Dose: Teglia 30 x 25 cm

Tempo: 60’ (più tempo di lievitazione)

  • 400 gr farina tipo 2 (oppure un mix a scelta, ottima anche con farina integrale di orzo e monococco)
  • 320 ml acqua (anche di più a seconda della farina. Idratazione impasto 80-90%)
  • 130 gr Pasta madre rinfrescata (oppure 5-6g lievito di birra fresco)
  • 8 gr sale marino integrale
  • Olio evo
  • 500-700 gr uva rossa

Finitura: 1 cucchiaio malto di riso + acqua q.b.

Procedimento

  1. In una ampia ciotola impastiamo la farina con l’acqua. Appena la farina ha assorbito l’acqua non lavoriamo oltre e lasciamo riposare coperto per circa 30 min. Questa fase si chiama autolisi, il glutine si idrata e impasto diventa elastico.
  2. Trascorso il tempo di riposo, riprendiamo l’impasto aggiungiamo la pasta madre e lo lavoriamo in ciotola con le mani per amalgamare il tutto. L’impasto è piuttosto morbido, ma con buona elasticità
  3. Lasciamo nuovamente riposare 20 min, quindi uniamo il sale e impastiamo.
  4. Una volta ottenuto un impasto omogeneo copriamo e lasciamo lievitare per 4-5 ore coperto e in ambiente riparato da correnti e sbalzi di temperatura.
  5. Trascorso il tempo, ungiamo una teglia con olio evo rovesciamo impasto e con le mani umide o unte di olio e stendiamo in maniera omogenea.
  6. Lasciamo lievitare per circa 3 ore sempre al riparo da correnti e se possibile coperto.
  7. Scaldiamo il forno a 250°C, meglio se con pietra refrattaria.
  8. Laviamo l’uva. Se vogliamo eliminare i semi, tagliamo gli acini a metà. Ricopriamo tutta la superficie della focaccia con l’uva.
  9. Inforniamo, abbassiamo la temperatura a 200°C, cuociamo per circa 25 min, finché la focaccia è ben dorata.
  10. Appena uscita dal forno spennelliamo con acqua e malto per laccare la focaccia.
  11. Tagliamo e quadretti e serviamo tiepida.

Ottima come spuntino ma anche per la colazione!

Questa è la ricetta base della focaccia, che potete usare anche per versioni salate!


Ricetta scritta da Maura Bozzali


Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Cucina-Consapevole.it.

In questo blog:
- Tutti gli ingredienti sono da coltivazione biologica, non industrialmente raffinati.
- Gli oli sono ottenuti mediante spremitura a freddo.
- Il sale è marino integrale.
- Le bevande vegetali e le confetture di frutta sono senza zuccheri aggiunti.
- Il pane è a lievitazione naturale.
- Le farine o le semole sono da grani antichi.
- Se si usa vino, è senza solfiti aggiunti.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com