Scarica GRATIS Menù di Natale

Seguici sui Social

Il Cibo dell’Uomo

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Il Cibo dell'uomo
Il Cibo dell'Uomo
Il libro scritto dal
Dottor Franco Berrino

Acquista il libro

Il Cibo della Gratitudine

Il Cibo della gratitdine
Guida alla cucina MacroMediterranea
Il libro scritto con il contributo del
Dottor Franco Berrino

Acquista il libro

Random Post
Search
Search

Pizza con la scarola

Print Friendly, PDF & Email

In tutte le case napoletane è tradizione, in attesa del cenone della vigilia di Natale, preparare a pizza cà scarol.

Ricordo che da bambina mia mamma, visto che era sola a fare tante preparazioni, ci chiedeva di andare a prendere un po’ di impasto per la pizza dalla nostra fornaia.

Ora non andiamo più dalla nostra  fornaia di fiducia, visto che pane e pizza li prepariamo in casa con il  lievito madre, ma cerchiamo di mantenere viva la tradizione.

Ingredienti

Per l’impasto della pizza:

  • 380 gr farina di semola rimacinata Russello
  • 380 gr farina tipo 2 di grani antichi
  • 100 gr lievito madre rinfrescato
  • 480 gr acqua
  • 20 gr sale marino integrale

Per il ripieno:

  • 1 kg e mezzo di scarola
  • 3 filetti di acciuga sott’olio
  • 20 gr pinoli
  • olive nere in salamoia
  • capperi sotto sale
  • uvetta (opzionale)
  • olio evo
  • sale marino integrale
  • pepe

Procedimento

La sera prima, in tarda serata,  rinfreschiamo il lievito madre.

Al mattino presto lo riprendiamo, aggiungiamo l’acqua e facciamo sciogliere il lievito madre, aggiungiamo le farine, il sale m.i. e ad impasto quasi finito aggiungiamo l’olio.

Trasferiamo l’impasto in una ciotola unta d’olio dando una leggera pirlatura e lasciamo lievitare fino a metà pomeriggio.

Un paio d’ore prima della cottura, dividiamo l’impasto in due teglie separate (ho usato come grandezza quelle del forno) e lo lasciamo riposare fino a quando non dovremo cuocere la nostra pizza.

Per la scarola invece, dopo averla pulita, la sbollentiamo pochi minuti e la mettiamo in un colapasta per fargli perdere un pò del liquido di vegetazione.

Nel frattempo scaldiamo una padella con olio evo, aggiungiamo i pinoli, le olive, i capperi sciacquati e strizzati, i filetti di acciuga e l’uvetta, lasciamo insaporire ed aggiungiamo la scarola, sale marino integrale e un pizzico di pepe.

Lasciamo raffreddare.

Quando saremo pronti per infornare riempiamo la nostra pizza, chiudendo con l’altro impasto e cuociamo in forno statico a 220 gradi per circa 30 minuti.

Lasciamola intiepidire così sarà ancora più buona!!

 


Ricetta scritta da Rosa Pietroluongo


Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Cucina-Consapevole.it.

In questo blog:
- Tutti gli ingredienti sono da coltivazione biologica, non industrialmente raffinati.
- Gli oli sono ottenuti mediante spremitura a freddo.
- Il sale è marino integrale.
- Le bevande vegetali e le confetture di frutta sono senza zuccheri aggiunti.
- Il pane è a lievitazione naturale.
- Le farine o le semole sono da grani antichi.
- Se si usa vino, è senza solfiti aggiunti.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com